Home / INGREDIENTI / Cosmetici fermentati: Galactomiceti, Lieviti e principi attivi nella cosmesi coreana

Cosmetici fermentati: Galactomiceti, Lieviti e principi attivi nella cosmesi coreana

Cosmetici fermentati: Galactomiceti, Lieviti e principi attivi nella cosmesi coreana

Cosmetici fermentati, i Galactomiceti nella Cosmesi Coreana

In moltissimi cosmetici coreani e giapponesi troviamo nei primissimi posti dell’ INCI questo principio attivo Galactomyces Ferments Filtrate, un prodotto fermentato derivato da un fungo, ovvero una sorta di lievito.

Pare che secondo la leggenda l’uso dei lieviti nella cosmetica orientale derivi da questa esperienza. Un signore giapponese che lavorava per un’azienda cosmetica stava ricercando un principio attivo naturale ma innovativo e che potesse risolvere diverse problematiche.

Casualmente è entrato in una fabbrica di sakè e ha notato che i lavoranti che stavano per tante ore con le mani a contatto dei lieviti fermentati del riso con cui si produce il sakè avevano la pelle liscissima e giovane mentre il loro viso non lo era.

Al di là della poesia i Galactomiceti, i lieviti fermentati  e anche gli estratti vegetali fermentati (Bifida Ferment, Saccharomyces Ferments, Lactobacillus Ferments di diverse piante come la soia, il crisantemo, l’aloe,  il fior di loto o l’acerola solo per citarne alcuni) sono un ingrediente veramente innovativo che apporta numerosi benefici alla nostra pelle.

Ecco le caratteristiche dei Galactomyces e degli altri lieviti nei cosmetici coreani

  • Riduzione dei pori, quindi incidono sulla grana della pelle e sulla sua levigatezza
  • Aiutano a combattere punti neri, impurità e acne (non quella fungina attenzione!)*
  • Uniforma e migliora il tono della pelle
  • Controllo e normalizzazione del sebo
  • Aiutano a contrastare la sovrapproduzione di cheratina che causa l’ostruzione dei pori
  • Azione antiage, promuove l’elasticità e il turnover cellulare

Consiglio sempre di introdurre almeno un prodotto che ne abbia in alte concentrazione, magari un tonico, un siero o una essence.

Ecco alcuni cosmetici fermentati consigliati

Si tratta di prodotti che contengono Galactomyces, Lieviti o Estratti fermentati:

Ripeto: come qualsiasi ingrediente che troviamo nei cosmetici non fa miracoli ma aiuta a migliorare la nostra pelle.

Ne sconsiglio vivamente l’uso nei casi di *acne fungina (che deriva dal fungo Malassezia e non è una vera e propria acne anche se assomiglia a quella batterica, è più un’ eruzione cutanea e viene diagnostica dal dermatologo e non da internet)!

Capite da soli che è un fungo che dà da mangiare (lo so è vomitevole) ad un altro fungo, se la pelle è sana, o ha impurità, brufoli batterici o arrossamenti invece gli attivi fermentati vanno bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *